Assimilare

La città mi appare come un plastico, non per essere così drammatico.

Vorrei cambiare città, perchè ” di questa fitta libertà non so che farmene”. Torino. Berlino. Sogni di viaggi, o addirittura meno, di giornate lunghe lontano da qui.

Devo vendermi allora. O cercare da lavorare. O laurearmi in fretta.
“Forse dovrei fare il Gigolo, sai quelle cose che devi fare ma senza dirle a nessuno” (Citazioni mattutine maschili, per guadagnare soldi)

Paganini non ripete.

Non c’è niente da capire, nulla di particolare
non ha neanche tanto senso che ci scriva una canzone
è una questione sempre aperta oggi sempre più attuale
nonostante tanta gente la continui ad evitare
e non ha niente da dire, spesso tende a criticare
ma la massa è tanto spessa e non fa un passo senza un leader
Triste e stanco pure lui
ma non cede ad invecchiare,
la poltrona resta calda,
non la vuole regalare
Non ci resta che sperare è una frase che non voglio più sentire
neanche quando sarò pronto e sarà l’ora di morire
si potrà mai reagire o siam bravi solo a dormire

e non c’è più non c’è non bastano rivolte e religione
il cambiamento spetta alle persone
prima individualmente poi collettivamente arriverà
e non c’è più non c’è non bastano rivolte e religione
il cambiamento spetta alle persone
prima individualmente poi collettivamente arriverà
chissà
ah ah ah ah ah
E fa che non sia più la stessa storia
che non sia fugace la memoria